Un poderoso volume (430 pagine), compilato con scrupolosa competenza e personale esperienza da Giordano Casiraghi, mette in ordine e commenta con rapidità ed efficacia vari decenni in cui la cultura italiana attraversa le vaste pianure della musica rock, e la racconta attraverso i fortini delle “radio libere”. Comincia così a cambiare la comunicazione di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Madrid si mangia l’uva, ma che festa a Berlino…

prev
Articolo Successivo

Non c’è Ottaviano e neppure Antonio, ma è notte fonda

next