Il ruolo del servizio segreto italiano nel depistaggio dell’inchiesta sull’uccisione di Paolo Borsellino e dei cinque componenti della sua scorta non è un sospetto ma una certezza. Questa è la conclusione principale della relazione sul depistaggio dell’indagine sulla strage di via D’Amelio presentata ieri dal presidente della Commissione Antimafia regionale della Sicilia Claudio Fava. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Forza Italia, Pd e penalisti uniti. Tutti contro la “Spazzacorrotti”

prev
Articolo Successivo

Sanità, salta un altro vertice Ricciardi si dimette dall’Iss

next