Il “Sacro erotismo” di Beppe Mora tra danzatrici lascive e uomini-angelo

Treviso ospita una personale del vignettista e pittore, che si ispira alla Belle Époque, ma anche alla classicità
Il “Sacro erotismo” di Beppe Mora tra danzatrici lascive e uomini-angelo

L’erotismo è tra le poche opera humanae (forse anche sovrumane) a essere più immortale della Storia. Tale convinzione sembra animare l’esposizione iEros di Beppe Mora (fino al 31 dicembre, alla Queendom Gallery di Treviso). Accanto all’apprezzata e decennale attività di vignettista satirico – sempre molto attese dai lettori le sue strisce sulla politica e l’attualità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.