Sono entrati da una terrazza condominiale sul tetto senza forzare nulla, hanno segato le grate divisorie e hanno “visitato” l’appartamento al- l’ultimo piano dell’ex pm Antonio Ingroia nel cuore di Roma, mettendolo a soqquadro e portando via alcune pen drive con atti processuali (vecchi, da pm, e nuovi, da avvocato), appunti del- l’ex magistrato “padre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Così serviranno nuovi ammortizzatori sociali”

prev
Articolo Successivo

Fredy, le paure dell’uomo senza protezioni

next