L’amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi è sotto processo a Milano per corruzione internazionale insieme a un drappello di coimputati per l’ormai celebre tangente, o presunta tale, da 1 miliardo e 92 milioni di dollari pagata nel 2011 per aggiudicarsi in Nigeria insieme alla Shell l’ambìto giacimento di petrolio offshore (sotto il mare) contrassegnato dalla sigla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Morte della politica nell’era della Lega. Questo è il mio film”

prev
Articolo Successivo

“Acquedotto fatto a pezzi e paccottiglia sotto la Torre”

next