Il dossier

“Nigeria, così la tangente portò vantaggi a Eni e Shell”

Uno studio commissionato da quattro ong alla Resources for Development Consulting rivela: “Garantiti un guadagno di 5,68 miliardi di dollari alle società petrolifere e un danno per Lagos”

26 Novembre 2018

L’amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi è sotto processo a Milano per corruzione internazionale insieme a un drappello di coimputati per l’ormai celebre tangente, o presunta tale, da 1 miliardo e 92 milioni di dollari pagata nel 2011 per aggiudicarsi in Nigeria insieme alla Shell l’ambìto giacimento di petrolio offshore (sotto il mare) contrassegnato dalla sigla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.