Davide Grittani, nel suo terzo romanzo, La Rampicante (LiberAria Editore), evita con bravura un rischio che ha pesato su molti scrittori di talento: la bella voce. Grittani ha una voce coinvolgente e benevola. Ma ha elaborato una tecnica narrativa più tipica del racconto anglosassone che del romanzo italiano. Sa, ma non partecipa, anticipa ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Paese vassallo o satellite dell’Ue, la vera Brexit non è quella promessa

prev
Articolo Successivo

Supplica del 1785 per la circolazione libera dei libri

next