Ci voleva Grittani per far vedere come si usa la voce narrante

L’autore suggerisce, anticipa, gioca col lettore senza cadere in virtuosismi

Davide Grittani, nel suo terzo romanzo, La Rampicante (LiberAria Editore), evita con bravura un rischio che ha pesato su molti scrittori di talento: la bella voce. Grittani ha una voce coinvolgente e benevola. Ma ha elaborato una tecnica narrativa più tipica del racconto anglosassone che del romanzo italiano. Sa, ma non partecipa, anticipa ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.