Caro Coen, finché c’è musica c’è speranza. E che musica. A Cerignola, Puglia rurale e patria di Peppino Di Vittorio, venerdì scorso si è esibita “L’orchestra dei braccianti” messa in piedi dalla onlus “Terra”. Musicisti italiani e uomini di quella parte d’ Africa che d’estate affollano la Pummarola Valley. Sono sfruttati, vittime di un caporalato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quando lo slogan in periferia vale più di un post su Facebook

prev
Articolo Successivo

Da Minniti a Letta sr. è nostalgia d’inciucio (Pecoraro fa le pizze)

next