Paolo Fresu ha negli occhi le curve aspre della Sardegna di terra e il respiro aperto degli affacci sul mare. Nelle mani la grazia, a stridere col fiato fiero, potente. Come il suo modo di occupare lo spazio: solido di certezza e leggero di fanciullezza. Un certo spirito da folletto dei boschi che traspare quando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Amare un tedesco era reato: la Norvegia chiede perdono

prev
Articolo Successivo

Un bambino super. “Nostro figlio studia troppo e non gioca con gli altri”

next