Com’è possibile che un modesto professionista della politica come Matteo Salvini sia diventato di colpo il leader populista più popolare d’Europa, dopo vent’anni di anonima militanza leghista in Lombardia? Ecco la risposta: “A volte la Storia propone un ruolo, e il primo che si presenta per il casting l’ottiene, indipendentemente dal suo talento”. Accade nei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Gladiatore di Nick Cave e altre storie (inguardabili)

prev
Articolo Successivo

La dottoressa Donatella Mugghiani alle prese con la (sua) “nuda verità”

next