In Fallen Leaves, brano che apre il nuovo album di Neneh Cherry, il cantato ricorda singolarmente quello di Joni Mitchell. Suggestione accentuata ancora di più dalla spoglia struttura voce e piano di Synchronized Devotion. Una fugace impressione, niente di più: troppo distanti per storia, attitudine e contesto musicale le due figure. Eppure il carisma e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Roma maledetta e indifferente messa al Muro

prev
Articolo Successivo

J Mascis, da solista è ancora più annoiato

next