La storia dell’inquinamento del sito industriale di Bussi sul Tirino (Pescara) si chiude intorno alle 21. E si chiude così: l’inquinamento c’è. Quel che manca è il colpevole. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione. Le dieci condanne in appello per disastro ambientale si trasformano in altrettante assoluzioni. Con formule diverse. Quattro imputati assolti per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La casa delle bambole sessuali

prev
Articolo Successivo

Gran Sasso, così hanno contaminato l’acqua

next