Con un nome preso in prestito da una canzone del celebre chitarrista Stephen Stills, componente del supergruppo Crosby Stills Nash & Young, i londinesi Treetop Flyers arrivano al loro terzo disco, omonimo, indovinando pienamente le coordinate di un sound che recupera la memoria storica di un certo rock americano tradizionalista, quello della West Coast, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un dj da mezzo milione di euro: Aphex Twin

prev
Articolo Successivo

Bmw, i segreti della X4. Il suv diventa coupé sportivo

next