Raccolta dati e iscrizioni alla Mostra, trasparenza e parità di genere nelle nomine e mantenimento alta quota femminile a Biennale e Mostra. I punti salienti della “Carta 5050×2020” firmata ieri dal presidente della Biennale Paolo Baratta e il direttore della Mostra Alberto Barbera per iniziativa del Movimento 5050×2020, Dissenso Comune, Women in Film, TV & […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Piove sul bagnato: Amazon cancella “A Rainy Day in New York” di Allen

prev
Articolo Successivo

Il prof Napoletano e il cdr del “Sole”, ovvero il concetto di merito

next