» Italia
venerdì 31/08/2018

Festa del Fatto: Carlo Verdone mattatore, oggi tocca a Gazzè

Festa del Fatto: Carlo Verdone mattatore, oggi tocca a Gazzè

Il primo film di Carlo Verdone durava 24 minuti, era un film underground, rarefatto, vinse un premio a Tokyo. Suo padre lo vide e disse: “Portalo a Roberto Rossellini”. Detto, fatto. Il giovane Carlo arriva al Centro Sperimantale di Roma, una stanza grande, luminosissima, con le finestre che non si potevano chiudere: “Pensai, e adesso come faccio il buio per la proiezione?”. Entra il maestro: “Su, forza, partiamo con questa proiezione!”. “Maestro c’è luce…” rispondo terrorizzato. “Avvicina il proiettore al muro!”. Il riquadro diventa grande come un francobollo, Rossellini chinato a guardarlo, Carlo Verdone alla finestra per fare ombra agli occhi del grande regista. “Tu ragazzo hai visto molti film di Antonioni, bene!”. “Io che non ne avevo visto neanche uno risposi: moltissimi!”. “Bravo!” rispose lui. E il provino andò bene.

Questo è stato uno dei tanti aneddoti con cui, ieri sera, Carlo Verdone ha aperto la Festa del Fatto Quotidiano al Parco della Versiliana di Pietrasanta. Più di 1.500 persone ad assistere, Marco Travaglio e Alessandro Ferrucci a dialogare con lui, il pubblico estasiato e con la pancia in mano per tutto l’incontro, per festeggiare i 40 anni di cinema di uno dei più amati registi e attori del cinema italiano. Spezzoni dei suoi film storici, imitazioni, quasi sempre in piedi a raccontare, battute, voci, pause, Carlo Verdone non si è risparmiato e il pubblcio di Pietrasanta – “Quanto amo questi posti, ci ho girato anche “Viaggi di nozze” a “Al lupo al lupo” – lo ha accolto con un calore unico. Tra una battuta e l’altra i frammenti di film, si parte con uno epico: l’emigrato che torna a votare in Italia e, durante il viaggio, gli rubano tutto: “Il monologo finale incomprensibile, dopo aver votato, è stato improvvisato. Non avevo preparato niente. Ciak di gira, buona la prima, tra gli applausi dei tecnici. Ancora oggi non so come ho fatto”.

Tutto il suo cinema nasce da esperienze vissute, cose viste, persone incontrate: “Questo in particolare da un viaggio in Polonia nel 1971 con due amici. Arriviamo, abbassiamo il finestrino per chiedere informazioni e ci risponde un italiano che viveva là: non abbiamo capito una parola. E quel famoso monologo, un po’, è nato in quel viaggio”. E poi ricordi, consapevolezze, rimpianti – pochi – delusioni – pochissime – e tanto successo, con i suoi personaggi imitati nei bar, agli angoli delle strade, figure che sono entrate nell’immaginario di tutti al primo impatto, come un amore imporovviso. Poi regala un bacio alla Versilia, un mare che ama, “dove Mina era di casa, dove c’era la Bussola e veniva Aznavour, questo è un posto magico”. Carlo Verdone è un mito, pochi come lui riescono a mettere d’accordo in modo trasversale tutti, grandi e piccini, verdi e rossi, forse perchè i suoi personaggi sono lo specchio dell’Italia: “Sì, sono stati racconti sociologici di un Paese. Ma sapete perché? Perché non erano studiati per portare le persone al cinema, per fare cassa, ma per raccontare un mondo, un momento storico”. E ci sono riusciti Carlo, ci puoi giurare.

Oggi la festa del Fatto entra nel vivo. Alle 12 ci sarà l’attesissima “Confessione”, fatta a Peter Gomez, del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti. A seguire, alle 16, un incontro dal titolo “Alla ricerca del lavoro perduto”: moderati da Salvatore Cannavò si confronteranno Laura Castelli, Stefano Feltri, Maurizio Landini e Massimo Mallegni. Alle 17.30 un’altra “Confessione” a Peter Gomez, questa volta toccherà a Nicola Zingaretti. Alle 18.30 si parlerà invece di televisione con Bianca Berlinguer, Laura Carafoli, Paolo Del Debbio e Giovanni Floris, moderati da chi scrive. Infine, alle 21, il concerto dell’Alchemaya Tour di Max Gazzè.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
L’Fmi anticiperà i prestiti

L’Argentina nel caos fa tremare tutti i Paesi emergenti

L’Argentina di nuovo in crisi. L’impegno del Fmi a rivedere la tempistica dei pagamenti previsti nell’ambito del piano di salvataggio da 50 miliardi di dollari, come chiesto dal governo, non basta: il peso crolla e aggiorna i suoi nuovi minimi storici, costringendo la Banca centrale ad alzare i tassi di interesse di 15 punti percentuali al 60%, il livello più alto al mondo.

Un rialzo per cercare di fermare la discesa senza fine del peso, in calo del 15% al minimo di 40 per dollaro. La flessione mette sotto pressione tutte le valute dei mercati emergenti, che temono una forte ondata d’urto dal pericoloso mix Argentina-Turchia. La paura è che Buenos Aires e Ankara non riescano a riconquistare la fiducia degli investitori, trascinandosi dietro tutti gli emergenti. Al crollo del peso si accompagna il calo di oltre il 5% della lira turca, il real brasiliano cala ai minimi, il rand sudafricano perde oltre il 2%. La crisi argentina è precipitata nelle ultime settimane, indebolendo ancora di più il presidente Mauricio Macri. Buenos Aires ha già ricevuto 15 dei 50 miliardi. Il Fmi chiederà nuove misure di austerità, mentre si susseguono voci di crisi interne al governo.

Italia

Tra indulti e pene sospese, libero di violentare

Cultura

Netflix sogna il Leone d’oro ma di mezzo c’è Del Toro

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×