Bisognava che crollasse un ponte e morissero 43 persone per convincere Autostrade per l’Italia (Aspi) e i Benetton a considerare doverosa la pubblicazione dei documenti relativi alla concessione che li lega allo Stato italiano. Sommersi dal biasimo generale e sotto scacco da parte del governo che ha avviato le procedure per un’eventuale revoca del contratto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“La fiducia riposta nel M5S è già a rischio”

prev
Articolo Successivo

Il “punto zero”. Non è stato solo lo strallo ad aver causato il crollo

next