Wallace chi? A dieci anni dalla morte, la mente migliore della sua generazione – scrittore, matematico, filosofo e molto altro – rischia di essere derubricata, se non obliata, passando da venerato maestro ad amabile resto. Era il 12 settembre 2008 quando David Foster (cognome della madre) Wallace (cognome del padre) si lasciò penzolare dal soffitto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il “tristezzometro” di Spotify fa cilecca: non prova emozioni

prev
Articolo Successivo

Latina è una città aperta? Sì, ma alle cacche dei cani

next