L’io stravince, non ci sono margini. L’io domina, lo schermo ti sorride, il risultato sullo schermo è anche modificabile, basta saper utilizzare le giuste funzioni, oplà, sei anche tu soggetto da copertina. L’io non ti concede sfumature di dubbio, l’io non dà margini alle variabili, all’eccezione altrui, al giudizio differente da “bello”, “super”, “fantastico”, “beato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Per capire i mercati chiedi al pizzaiolo

prev
Articolo Successivo

Il cuore nero dell’Africa cerca un nuovo dittatore

next