Alto, giovane e agile. Capace di sparare e chirurgo. Il profilo del mostro di Firenze lo delinea il comandante De Fazio nel 1985 immediatamente dopo l’ottavo duplice omicidio avvenuto l’8 settembre a San Casciano in Val di Pesa. E a inizio ottobre i magistrati Paolo Canessa e Francesco Fleury guidano un blitz all’ospedale di Santa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In Perù solo il cibo può guidarti fuori dalla nebbia di Lima

prev
Articolo Successivo

Gallipoli all’ultima spiaggia: via i turisti o soltanto i cafoni?

next