Beh, un po’ di paura ce l’ha avuta, ieri, il longilineo gallese Geraint Thomas da Cardiff detto “G” nei 31 km della tappa a cronometro da Saint- Pée-sur-Nivelle a Espelette che di fatto ha sancito il suo trionfo al Tour 2018. Una curva presa male, una slittata e subito è riemerso lo spirito da gregario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“L’allarme bomba in sala, la cena a casa Vianello e il nostro no a Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

I templi di Paestum, luogo di fusione di razze, culture, religioni e speranze

next