“Ciascuno cresce solo se sognato”. Sono le parole di una delle più note poesie di Danilo Dolci, l’architetto, l’ingegnere, l’educatore, il sociologo che lo scrittore Aldous Huxley definì “uno di quei moderni francescani muniti di laurea”. Arrivato dal Nord Italia a Trappeto nel 1952, con “trenta lire in tasca ‘nu bellu jornu co lu trenu […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Travolti e affondati da un’insolita lotta di classe

prev
Articolo Successivo

Ronaldo “inizia” con il Chievo. E Lazio-Napoli è già big match

next