La Corte d’assise di Palermo ritiene che Giuseppe Graviano, in carcere, abbia parlato di Berlusconi e degli accordi presi con lui decenni fa ma poi traditi dall’ex leader di Forza Italia una volta giunto al governo. Non solo. Per la Corte, mentre era intercettato in cella, il boss avrebbe detto al suo compagno di detenzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Equilibri precari, Fca è sempre più americana”

prev
Articolo Successivo

Mario Mori dal Sid a Provenzano: 40 anni di misteri

next