Soli, in mezzo al mare, tra la Libia, Malta e l’Italia. Per 224 migranti stipati sulla nave Lifeline la sorte sembra appesa a trattative tutte politiche, pretattiche e calcoli in vista del delicatissimo vertice di domani. Malta, come sempre ha fatto, nega ogni competenza – e quindi l’accoglienza dei naufraghi – per le navi delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Verifiche sui rischi denunciati dall’ex pm. Ma il nodo scorte c’è

prev
Articolo Successivo

Salvini ci fa orrore. Ma chi l’ha creato?

next