“Buongiorno”. A lei, signor Proietti, ma sono le 13. “Mi sono svegliato da poco: da sempre vado a letto tardi”. E subito una sigaretta. “Cinque minuti fa (silenzio, pausa scenica. Poi il classico…) Voglio smettere. Magari ne lascio una prima di andare in scena”. In scena come questa sera, per l’ennesimo sold out a Roma: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Messi non è Maradona e oggi il Paese sta anche peggio della Nazionale”

prev
Articolo Successivo

Battaglione 332° “cinema Usa”. Niente guerra, è propaganda

next