La costituzione della Roma repubblicana prevedeva l’elezione annuale di due consoli con pari poteri. Nel 53 a.C. un conflitto politico aveva condotto a un pericoloso stallo istituzionale. Plutarco racconta con dovizia di particolari l’infuocato dibattito: c’era chi con estrema forzatura chiedeva la nomina di Pompeo a dittatore, chi invece come Catone con fermezza si opponeva; […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pietro Ingrao, la “Memoria” non è solo dover ricordare

prev
Articolo Successivo

Francesco Nuti e io verso il Perù

next