Un colpo di scena simile non era mai accaduto nella storia contemporanea. Di fronte ai giornalisti attoniti convocati a Kiev nella sede dei servizi segreti ucraini per la conferenza stampa sull’omicidio del giornalista russo Arkady Babchenko, anziché essere mostrate le foto della scena del crimine, si è palesata la vittima. Anzi, la presunta vittima. Gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ma che Regeni, in Egitto c’è il problema calcio

prev
Articolo Successivo

Orbán ha vinto, aiutare un migrante è reato

next