Poiché ho vissuto molto in America, e ora che mi chiedono di scrivere di Philip Roth, che è morto due giorni fa, so che sto per scrivere di lui come una persona che ha fatto parte della mia vita. Non è vero, l’ho incontrato (salvo che in pubbliche conferenze) solo due volte. La prima era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La figlia dell’ex spia avvelenata: “Andrò a Mosca ma non adesso”

prev
Articolo Successivo

3 domande a

next