Jaraman è un quartiere a sud di Damasco, stretto tra l’area di Yarmouk (storico campo profughi dei palestinesi, ndr), ancora nelle mani dell’Isis, e ciò che resta della Ghouta orientale dopo l’evacuazione dei ribelli al regime. Rappresenta, in piccolo, l’anima della Siria e della sua moltitudine di etnie, nazionalità e confessioni. Non è raro, camminando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Israele-Iran: guerra aperta sulle macerie della Siria

prev
Articolo Successivo

La Merkel scarica Trump “Difendiamoci da soli”

next