Si può amministrare un capoluogo di regione e nello stesso tempo giocare goffamente con gli stemmi fascisti riesumando i tempi più bui del nostro paese? A L’Aquila si può. Il sindaco Pierluigi Biondi è stato beccato a chattare su Whatsapp in un gruppo contrassegnato da un particolare inquietante, la Bandiera della Repubblica di Salò nell’immagine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Casamonica a Roma, così si salvano i clan nella città che non vede la mafia

prev
Articolo Successivo

La fascia tricolore tra i fascisti agita Genova

next