Sembra esser lì in bilico, tra una malinconia che mastica Goleador e una legittima domanda: “Sarà ora di andare oltre?”. Cioè, “s’è fatta ’na certa?”. Se voglia o meno crescere, Carl Brave, non lo sa manco lui. Il rapper, in uscita l’11 maggio con Notti brave (Universal) già militava nelle scena capitolina come solista prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Cd, ma per poco: la zampata finale dello streaming

prev
Articolo Successivo

McKennitt, dopo dodici anni ritorna al passato

next