Da bambino seguivo la guerra di Spagna come adesso si segue un serial tv. Le persone che amavo e per le quali facevo il tifo me le dovevo inventare. Dalla radio e dai Film Luce (così si chiamava allora il primo cinema di propaganda) conoscevo solo colonnelli franchisti con la faccia fascista, preti che benedicevano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Svizzera, il referendum sulla “moneta intera”: fallace sogno dei signoraggisti

prev
Articolo Successivo

Il nazionalismo più irriducibile della Spagna

next