Per molti esperti è diventato il decreto “ammazza foreste”. In vigore dal 5 maggio, il testo unico sulle Foreste dà il via libera al taglio incondizionato dei boschi per ricavarne combustibili e alimentare le centrali a biomasse. Uno sfruttamento economico ed energetico che secondo i Medici per l’ambiente (Isde) e il gruppo di ricercatori e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Revisioni, un certificato contro i furbetti del contachilometri

prev
Articolo Successivo

Svizzera, il referendum sulla “moneta intera”: fallace sogno dei signoraggisti

next