A Palazzo Chigi non disfano gli scatoloni. Non li hanno riempiti mai. Il premier Paolo Gentiloni aspetta e governa, che poi le attività s’intrecciano da dicembre in un ampio tempo di “affari correnti”. Adesso che l’ingorgo politico – tra veti e finte – ha ridotto le ipotesi di sbocco per Sergio Mattarella, a Palazzo Chigi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Data del voto, l’ultima arma di Mattarella contro i partiti

prev
Articolo Successivo

Niente taglio al deficit nel 2018: così l’Italia rischia la manovra correttiva da 5 miliardi

next