C’è una regola non scritta, nel prontuario dell’ascoltatore di musica pop, che è tanto inconfutabile quanto imbarazzante da ammettere. Ed è che gli artisti che ci raccontano il loro malessere e le loro sofferenze, quelli che mettono a nudo la loro anima tormentata sciogliendo le ali ai demoni personali, ci sembrano inizialmente più interessanti degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Full Metal Jacket”, addio al sergente Ronald Lee Ermey

prev
Articolo Successivo

Tributo a Elton, prima del suo (lungo) ritiro

next