“E arrivarono quattro gendarmi con i pennacchi, con i pennacchi. E arrivarono quattro gendarmi con i pennacchi e con le armi”. Tranquillo, caro Leonardo Coen, non voglio canticchiarti la bellissima canzone di De André, mi difettano corde vocali e talento canoro. Citavo solo per dirti che a Roma i gendarmi sono arrivati davvero. Ed erano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Solo poetastri che imbrattano i palazzi con troppi refusi

prev
Articolo Successivo

Profondo Colombia: il passato che non passa

next