La donna sia sottomessa all’uomo, prescriveva l’apostolo Paolo, che un po’ misogino lo era. Figuriamoci le suore, dunque. Solo che nessuno immaginava che potessero essere sfruttate come schiave. E nessuno immaginava, soprattutto, che la drammatica questione potesse essere sollevata addirittura dal quotidiano più autorevole della Santa Sede: L’Osservatore Romano.
Sono i miracoli della rivoluzione francescana di Jorge Mario Bergoglio.

Sull’ultimo numero del mensile Donne chiesa mondo pubblicato dal giornale vaticano alla vigilia della festa della donne c’è infatti la storia di alcune religiose consacrate al servizio di cardinali e vescovi: suore in piedi dall’alba fino a sera tardi per preparare colazione e cena, stirare, lavare, tenere in ordine la casa. Suore umiliate perché costrette a consumare il loro pasto da sole in cucina. Suore frustrate e sottopagate, cui la fede non basta più e devono ricorrere agli ansiolitici. Il loro nomignolo è questo “Suore pizza”.

Il servizio del mensile dell’Or s’intitola “Il lavoro (quasi) gratuito delle suore” ed è firmato da Marie-Lucile Kubacki. I nomi nell’articolo sono tutti di fantasia, per coprire le vere identità e impedire probabili ritorsioni o vendette dei maschi consacrati. Tutto inizia con Suor Marie: “È giunta a Roma dall’Africa nera una ventina di anni fa. Da allora accoglie religiose provenienti da tutto il mondo e da qualche tempo ha deciso di testimoniare ciò che vede e che ascolta sotto il sigillo della confidenza”. Rivela Suor Marie: “Ricevo spesso suore in situazione di servizio domestico decisamente poco riconosciuto. (…) Alcune di loro, impiegate al servizio di uomini di Chiesa, si alzano all’alba per preparare la colazione e vanno a dormire una volta che la cena è stata servita, la casa riordinata, la biancheria lavata e stirata”.

Sono donne che arrivano spesso da Paesi poveri. Dall’Africa, dall’Asia, dall’America Latina. E non possono contare neanche sulla solidarietà delle loro famiglie. Per la serie: “Di che cosa ti lamenti? Non fare la capricciosa”. Le suore lavapiatti sono anche teologhe intellettuali che a Roma non trovano che una collocazione da collaboratrici domestiche, senza orario e con pochi euro di guadagno. Col prete maschio non si può condividere nulla, compresa la mensa, simbolo centrale del Vangelo. Conclude Suor Marie: “Un ecclesiastico pensa di farsi servire un pasto dalla sua suora e poi di lasciarla mangiare sola in cucina una volta che è stato servito? È normale per un consacrato essere servito in questo modo da un’altra consacrata?”. Suore sfruttate. E adesso ribelli, forse. Novelle Spartacus della Chiesa di Bergoglio.

Articolo Precedente

Parà e militante fascista bastonato a Livorno

prev
Articolo Successivo

Stragi naziste: i 7 condannati rimasti sempre impuniti e liberi

next