In questa campagna elettorale che molti considerano la più brutta di sempre, almeno un dato positivo c’è: i partiti hanno presentato dei programmi più dettagliati che in passato e sono stati chiamati a renderne conto, a spiegare quali numeri c’erano dietro vaghe promesse. Dopo settimane di annunci in tv, fact checking sui giornali e repliche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

È il Goi pride, l’“orgoglio massonico” anti Bindi

prev
Articolo Successivo

Via dall’Afghanistan, almeno risparmiamo

next