Sognando Atlanta

Potere al “trap”: da Milano a Roma, è la musica del 2018

I meneghini come Ghali giocano a fare i duri di periferia. I romani sono indolenti e pasoliniani come Carl Brave & Franco126, nati sulle scalinate di Sergio Leone

1 Febbraio 2018

Dall’hinterland milanese a Trastevere, l’onda trap sommerge l’Italia. Trap, non rap, con buona pace di chi fatica a distinguere Fabri Fibra, Fedez e Guè Pequeno da questa nouvelle vague di rimatori armati di beatbox, e che fra la Tangenziale meneghina e il Raccordo Anulare hanno creato l’asse su cui si fonda il potere musicale del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.