Il collateralismo è morto: le associazioni di categoria non portano più pacchetti di elettori come in passato. Ormai l’imperativo è parlare con tutti, schierarsi con nessuno e fare i propri interessi. Il 4 marzo il mondo dell’associazionismo andrà al voto in ordine sparso, guardando con interesse al ritorno del centrodestra (e magari con un pizzico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il ghigno di Letta sr. è il “programma” dell’inciucio con il Pd

prev
Articolo Successivo

Fiumi senz’acqua e villaggi in pericolo: il disastro delle dighe garantite da Cdp

next