Sempre più amareggiato edeluso, si ritira. Gianni Cuperlo, esponente di spicco della minoranza del Pd rinuncia al seggio e al diritto di tribuna assegnatogli in extremis dall’ufficio candidature di Matteo Renzi in Emilia, guadagnandosi la gratitudine del partito modenese, già in difficoltà per l’imposizione della ministra Beatrice Lorenzin, che sarà capolista nel blindatissimo collegio. Cuperlo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Questo non è più il Pd, dopo il voto va ricostruito”

prev
Articolo Successivo

Di Pietro deluso: “Fuori perché ho detto no all’inciucio”

next