Alle 13 e 11 di un sabato d’inverno freddo, grigio e assai ventoso, ideale per memorabili pranzi da degustare nei templi culinari della sua prodiga regione, Gérard Collomb – ministro degli Interni di Macron ed ex sindaco di Lione – diffonde un tweet che gronda cordoglio nazionale. Deve annunciare che un’altra stella del firmamento d’Oltralpe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“I miei genitori si sono sempre stupiti del mio successo. E anche io”

prev
Articolo Successivo

“La sua lezione: esiste una buona cucina e una cattiva cucina, tutto qui”

next