Era l’8 aprile del 2009. Due giorni dopo il terremoto de L’Aquila. Mentre l’Abruzzo era in piena emergenza, Snam presentava al ministero dello Sviluppo economico l’istanza per rinnovare la dichiarazione di pubblica utilità del metanodotto Sulmona-Foligno, in scadenza. L’infrastruttura attraverserà l’Appennino centrale, passando per Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Nel 2004 Snam, controllata da Cassa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Tutta l’ambiguità del Louvre arabo

prev
Articolo Successivo

Sisma, dopo 15 mesi un risultato: il software

next