Artista della sei corde irlandese tanto amato quanto odiato dai puristi del blues, Gary Moore, assieme a Rory Gallagher, è stato uno dei chitarristi più influenti e spesso sottovalutati della sua generazione. Con una produzione musicale che spazia dal Rock progressivo e sperimentale all’hard rock e all’Heavy metal, è per il Blues, al quale si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Neil Young: mezzo secolo di musica gratuita (e online)

prev
Articolo Successivo

Cremonini va alla scuola d’autore bolognese

next