Un salto di qualità. È la prima valutazione dopo l’approfondito ascolto del nuovo album di Cesare Cremonini, Possibili scenari. Due anni di intenso lavoro in studio di registrazione con la collaborazione ai testi di Davide Petrella, nuovo astro nascente del pop italiano e Alessandro Magnanini agli arrangiamenti. Ma, soprattutto, con il fondamentale supporto del produttore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gary Moore, riscoprire il Blues a sei corde

prev
Articolo Successivo

Da Los Angeles al futuro. Ecco l’America dei Truck

next