“Non è un’occupazione. È una liberazione”. La sala di Ca’ Farsetti, il municipio, esplode in un applauso. La gente di Venezia si è ritrovata qui per difendere l’Antico Teatro Anatomico. Un altro bene pubblico che è stato venduto. Fuori dalla vetrata è un giorno qualunque: i turisti accalcati sul Canal Grande, l’odore d’acqua e pietra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Biancofiore: “Pochi figli? Zero sesso in Italia e anche in politica. Berlusconi? In 15 anni solo commenti signorili”

prev
Articolo Successivo

Rabbia con ironia: la statua di Quo e le lotte di Mestre e di Marghera

next