Chissà perché nessuno ricorda che proprio oggi, sessant’anni fa, in una Milano novembrina triste, nebbiosa e fredda, all’Hotel Continental di via Manzoni, un albergo che oggi non c’è più, l’editore Giangiacomo Feltrinelli presentò ufficialmente il romanzo che avrebbe trafitto gli anni della Guerra fFredda, segnandone una sorta di spartiacque tanto emotivo quanto politico: Il Dottor […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dalla macelleria bosniaca alla figlia morta suicida

prev
Articolo Successivo

“Se fossi nella giuria di un talent, uno come me lo manderei via”

next