“C’è un comunismo delle intenzioni, che tutti coloro che istintivamente reagiscono a soprusi, ingiustizie, sopraffazioni, ruberie di pochi su tanti, hanno nel cuore e un comunismo in Terra. Il primo esisterà sempre, anche se non avrà più quel nome. Il secondo non si è mai realizzato, almeno non senza accompagnarsi alle più feroci dittature, stermini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Sopravvivere al dolore nel segno di Michelangelo”

prev
Articolo Successivo

Zagaria, droga e omicidi ok

next