L’inno, la bandiera, la festa nazionale: in politica i simboli contano. In tutti i passaggi fondamentali di questa crisi tra Madrid e Barcellona che va avanti dal referendum indipendentista del primo ottobre, i nazionalisti catalani, quando scendono in piazza, scandiscono sempre i momenti di protesta intonando un canto patriottico e sventolando il vessillo nazionale. Emblemi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

José e Carmen, i mastini di tutti i “fuorilegge” catalani

prev
Articolo Successivo

Catalogna, l’appello a Junker e Tusk: “Il silenzio della Ue sulla crisi mette in pericolo l’Europa”

next