La denuncia arriva da una delle più alte cariche delle Nazioni Unite, e non potrebbe essere più pesante: il trattamento riservato ai Rohingya da parte del governo del Myanmar è “un esempio di pulizia etnica”. Così ha tuonato da Ginevra l’Alto Commissario Onu per i Diritti umani, il giordano Zeid bin Ra’ad Al Hussein. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’America piange ancora: ma Trump divide anche l’11/9

prev
Articolo Successivo

“Signor Paul McCartney scenda: è l’11 settembre”

next