“Ho la convinzione feroce che noi possiamo osare l’avvenire”, ha scritto Emmanuel Macron nel suo saggio intitolato Rèvolution (pubblicato lo scorso novembre): l’avvenire, l’ha ripetuto in ogni comizio, è al centro del suo programma, “dobbiamo averne il gusto”, insomma, è una professione di fede, un incantesimo politico che potrebbe trasformarsi in realtà e in vantaggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il subcomandante Berty, nato leninista e finito ciellino

prev
Articolo Successivo

Infermiere killer, il “caso del secolo”

next