Notizie buone non ce ne sono. È possibile? Volete dire che, a parte nascite, compleanni e matrimoni e qualche promozione nella timida ripresa dell’economia, non ci sia niente da festeggiare? In queste righe dirò, come il taxista di Haiti che mi portava e vedere la povera isola subito dopo il passaggio dei soldati di Papà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

È la Trasfigurazione, quando pensiamo e ascoltiamo Cristo

next